Categorie
ARTI MARZIALI BENESSERE SVILUPPO PERSONALE

IL RISCHIO NASCOSTO NEGLI AMBIENTI ” AUTOREVOLI “… scopri perchè, nel giro di poco tempo, ARROGANTI, BUFFONI e FURBI, cadranno uno alla volta come birilli…

Premetto sin da subito che si tratta di un articolo “senza peli sulla lingua”, scritto in forma “colorita”, ed in cui “LA VERITA’ emergerà con franchezza ed in modo molto schietto”!

Se ritieni quindi, che tali caratteristiche possano in qualche modo offendere la tua sensibilità, ti suggerisco di evitare di leggerlo!

Punti di vista

Parliamo ancora una volta di ambiente autorevole e del motivo per cui gli IDIOTI dovrebbero scegliere di starci lontano come da un kamikaze della jihad vestito di tritolo… e non lo fanno MAI!!!

IL 17° SEGRETO DI FATIMA, è rinchiuso nella semplice vignetta qui sopra… Ma non trarre conclusioni affrettate… il discorso è SEMPLICE ma più articolato di quanto possa sembrare…

Prima di tutto, è necessario “ribadire alcuni concetti di leadership”, in modo tale da ANNIENTARE il rischio che qualcuno leggendo si faccia dei FILM in preda al delirio scaturito da qualche MALSANA e INCONSAPEVOLE “CONVINZIONE”:

autorevole

Come puoi comprendere dall’immagine qui sopra (ma ti basta fare un qualsiasi corso o leggere un libro di LEADERSHIP per verificare!) , la figura del Leader Autorevole è rappresentata da “quel tipo di guida” che si trova tra l’Amministratore di Condominio e il “Kapo” !

Iper semplificando:

  • il primo fa semplicemente da intermediario in un ambiente dove la responsabilità è totalmente dei vari condomini…
  • il secondo si accolla il 100% delle responsabilità dei “guidati” ma nel suo ambiente non lascia spazio alle interazioni con i subordinati (o ne decide a priori i parametri)

Un altro fatto fondamentale da avere chiaro, è il concetto di AUTORITA’!

Mi rifaccio alla semplice definizione di wikipedia:

Con il termine autorità (dal latino auctoritas, da augeo, accrescere) si intende quell’insieme di qualità proprie di una istituzione o di una singola persona alle quali gli individui si assoggettano in modo volontario per realizzare determinati scopi comuni.

Spesso è usato come sinonimo di potere, ma in realtà i due termini afferiscono ad accezioni diverse. Il “potere” si riferisce all’abilità nel raggiungere determinati scopi mentre il concetto di “autorità” comprende la legittimazione, la giustificazione ed il diritto di esercitare quel potere.

Nella stragrande maggioranza dei casi, la persona media confonde addirittura il concetto di autorità con quello di “autoritario“!

Senza aprire dibattiti sul piano etimologico, possiamo definire con questo ultimo vocabolo, l’ambiente o la persona che impone con intransigente fermezza la propria volontà o tende ad una esagerata affermazione della propria autorità.

Semplificando ulteriormente, possiamo differenziare la figura di un LEADER in questo modo:

  • AUTOREVOLE: la cui autorità viene “riconosciuta dal basso”.
  • AUTORITARIO: la cui autorità viene “imposta dall’alto”!

 

Chiarito questo, DOVE STA’ L’INGHIPPO?

  1. La parola “autorevole” è diventata “commerciabile e di moda”.
  2. Presunzione ed arroganza sono 2 gadget gettonatissimi tra “gli affamati del sapere”!
  3. La verità è “meravigliosa” quando si riferisce a qualcosa che “piace”, ed è odiosa quando si riferisce a qualcosa che non piace!

TRADOTTO in termini pratici da Bignami:

  • Tutti cercano “l’autorevolezza”…
  • Quando ti trovi nella posizione di dover far presente a qualcuno la sua arroganza o presunzione, cominci “a stare sulle palle” come un riccio di castagna sotto lo scroto indossando mutande strette!!!

Quante volte ti è capitato di “sentir cianciare” al bar qualche operaio che tra un bianchetto e una patatina tira su proseliti infiniti “sulla stupidità del suo capo”?!?!?

Se ci fosse lui a guidare l’azienda, allora si che funzionerebbe!!!!!!

Ottimo!

Licenziati e “mettiti in proprio”, apriti la tua azienda, crea una squadra e fai funzionare il tutto…

…ci vediamo “domani al bar va…”!!!

Questo tipo di “presunzione”, come ti dicevo al punto 2 elencato poc’anzi, è molto molto molto diffusa…

E mentre “nei bar” frequentati dagli operai “ci potrebbe anche stare” per sbollire la frustrazione quotidiana, negli ambienti dove si va ad imparare rappresenta una vera e propria malattia degenerativa!

In quelli autoritari viene contenuta e rimane inespressa fino “alla prima cena o birra tra studenti”… sopravvive e si manifesta in forma “subdola”…

In quelli anarchici è un cavallo di battaglia condiviso, ma tale ambiente è utile all’apprendimento quanto un culo senza il buco!

In quelli autorevoli “, gli imparati o giàlosò” percepiscono una sensazione confusa con il nullaosta a procedere con “qualsiasi cosa passi loro per la testa in quel momento”…

Non solo, NON TROVANDO “UN PRINCIPIO” DI SBARRAMENTO O LIMITAZIONE al proprio agire DA SUBITO, si sentono anche nella posizione di incalzare prepotentemente I LEADER, attraverso l’autolegittimazione di una personale STERILE CROCIATA armati di NULLA COSMICO, e nei confronti DEL POTERE OSCURO…!

Internamente si sentono come BUZZLIGHTYEAR, nella realtà si rivelano presto come “persone disturbate” e pateticamente in lotta “con i propri fantasmi” mentre si affannano in uno stato di totale inconsapevolezza…

Buzz_Lightyear

Trascendendo questa tipologia di caso, rimane la questione della “figura iniziale”…

Se “la fondi” con lo schemino dell’autorità riportato subito dopo, scoprirai che “un leader autorevole” è riconoscibile SOLAMENTE DA INDIVIDUI AUTOREVOLI!!!!

Gli ANARCHICI lo vedono “come autoritario o troppo duro”…

Gli AUTORITARI lo vedono “come anarchico o troppo mollo”…

In soldoni, rappresenta una sorta di specchio alle proprie paure rappresentate dai “propri fantasmi” (derivati di solito da esperienze passate traumatiche!)

Inconsapevolmente, sia GLI ANARCHICI che GLI AUTORITARI, “pagano il prezzo” del proprio estremismo sviluppando un esigenza antagonista e “riequilibrante”, che finiscono per “ricercare” in ciò che vedono osservando superficialmente l’ambiente autorevole di moda!

Alla prima occasione di “incontro con la verità”, i nodi vengono immediatamente al pettine facendo affiorare “di fatto quello su cui bisognerebbe lavorare per produrre un miglioramento reale” … quando non si riesce nell’intento, casualmente, si inizia a “colpevolizzare” la guida per aver tirato a galla “quel tipo di merda interiore” che non si è MAI VOLUTO AFFRONTARE, RIPULIRE E RISOLVERE!!!

Sintetizzando a dismisura: C’E’ UN PROBLEMA DI VOLONTA’ e di UMILTA’ in atto, di cui non si accetta di prendersi la responsabilità… PUNTO.

E quale miglior “giustificazione” che un LEADER RESPONSABILE fornisce come KAPRO ESPIATORIO a questi individui!?!??!

Alcuni PADRI, d’altronde, non servono forse a quello?!

 

Buona riflessione…

 

Ps.se hai voglia di entrare “un po’ più nello specifico, inizia a documentarti sui “metamodelli” e dedica particolare attenzione a quello chiamato “VIA DA”!!!

Le “menti di cui stiamo parlando” hanno “tutte” quella caratteristica…

Una volta fatto, scrivimi pure e approfondiremo la questione!   😉

 

         – Sergio –

Sergio Simoncelli Insegnante Gong Fu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.