Categorie
ARTI MARZIALI

MAESTRO ITALIANO MEDIO…La vera storia del somaro convinto di essere un cavallo!

MAESTRO italiano medio

E’ Agosto…. e si vede!!!

NO! Non si tratta di una questione climatica… per chi, come me, vive il mondo delle Arti Marziali, Agosto rappresenta il PRE SETTEMBRE… IL PRE STAGIONE NUOVA… ed ognuno impiega il proprio tempo e le proprie energie in preparativi per l’apertura dei nuovi corsi…

C’è chi pensa alla pubblicità… chi si allena… chi si cura del proprio enturage… chi mette mano al proprio sistema gestionale per migliorare i risultati della stagione passata… E CHI NON TROVA NESSUN’ALTRO SBOCCO, CHE VOMITARE LA PROPRIA FRUSTRAZIONE SU CHI RITIENE UNA POSSIBILE MINACCIA!!! (sbocco/vomitare… finezza letteraria!) 😉

Si tratta di quella “categoria di personaggi” che soffre inconsapevolmente della misteriosa malattia del SOMARO/CAVALLO…

Somaro CavalloPer chi tra le sue letture annovera il best seller di DeMello, stiamo parlando dei POLLI convinti di essere un’AQUILA!!!

Una categoria di personaggi dai risultati “tragici”, che grazie alla “credibilità” che viene loro accordata “con poca cautela”, finiscono sistematicamente per impiegare il potere concesso, in azioni TOTALMENTE DISGREGANTI e DEGENERATIVE…

Si… assomiglia alla “brutta malattia”!!!! :-/

Personalmente ritengo che sia una sorta di “effetto collaterale” di una condotta, in termini di leadership, inquadrabile come mix tra “opportunismo e inconsapevolezza”…

Una sorta di “scettro del potere” che ha iniziato un viaggio in un certo modo, e per inerzia sociale cavalca i decenni con un elettroencefalogramma evolutivo praticamente PIATTO!

Tuttavia, il solo parlar di “questo”, comporterebbe la stesura di un tomo di migliaia di pagine… e non è LO SCOPO con cui ho voluto scrivere quest’articolo!

Rifocalizzando il trend di queste righe, come riportato dalla simpatica locandina, si parla del MAESTRO ITALIANO MEDIO!

Premessa… esistono sostanzialmente 4 tipi di “guida”:

  1. CHI sa fare e NON sa “trasmettere”
  2. CHI NON sa fare e NON sa trasmettere
  3. CHI NON sa fare e SA trasmettere
  4. CHI SA FARE E TRASMETTERE

Brevemente…

  • i primi sono quelle guide dotate di un “certo talento” che permette loro di “riuscire nella replica di qualche abilità pratica”, ma che per varie ragioni riescono a trasmettere meno di un telefono della TRE sull’isola di Sant’Elena nell’Atlantico!!! Non sono MAI stai valutati per la loro capacità di trasferire la propria abilità ed il loro “fare” è tuttavia una forte attrattiva per “un certo tipo di persone”… vantano spesso il “titolo di Maestro” che viene sbandierato con orgoglio nonostante sia stato ottenuto in qualche cerimoniale teatrale improvvisato proprio per accontentare “i figlioli capricciosi”, ma a voler essere pignoli, attesta esclusivamente un’attitudine ad “istruire”…nulla di piu’!  Sono in pratica “libretti di istruzioni” spesso in AFGHANO per una clientela della DANIMARCA!!! I Maestri, quelli veri, si “riconoscono dal basso” e per i risultati pratici… non hanno bisogno di “TITOLI CADUTI DALL’ALTO”! E si misurano attraverso I MIGLIORAMENTI CHE INDUCONO NEGLI ALLIEVI (come insegnante), o attraverso il confronto pratico (in relazione all’ABILITA’ in cui hanno raggiunto la MAESTRIA!)
  • i secondi sono quel tipo di guida che “ha fatto strada” per doti che non hanno NULLA A CHE VEDERE CON L’ABILITA’ CHE INSEGNANO nè tantomeno con la capacità di trasferire!!! Hanno un certo carisma/fascino/appeal, e di solito usano l’ABILITA’ DI FAVELLA per “intortare” il credulone o lo sprovveduto di turno! Questi se “non hanno un pezzo di carta” che dia loro credibilità MUOIONO DI FAME!
  • la terza categoria è rappresentata dagli “allenatori”… sono individui che “mancano di talento”, ma che fanno dell’autodisciplina e della tenacia i propri cavalli di battaglia… se operano in un ambiente caratterizzato da un sistema di replica delle abilità efficace, producono risultati a volte impensabili in chi a loro si affida…
  • La quarta categoria è dei FENOMENI! Quelli veri!  I multi talento… abili nella pratica e soprattutto abili a trasmettere… si tratta di PERLE molto rare… gli unici che riesco a sposare con il concetto autentico di Maestro…

Ora… per ragioni che non stò qui a disquisire troppo a lungo, “quelli della categoria 1 sono costantemente in conflitto con quelli della categoria 3… quelli della categoria 2 sono in conflitto con tutti (anche se apparentemente “appaiono” come OTTIMI GREGARI!)… Quelli della categoria 4 non sono tendenzialmente in conflitto con nessuno, tuttavia sono la RAPPRESENTAZIONE EVIDENTE del “nulla cosmico” che attanaglia i “concorrenti del settore”…e vuoi per invidia, gola, lettera o testamento, finiscono per essere oggetto costante di CRITICHE DI OGNI TIPO! … talvolta sterili a breve e lungo termine… talvolta DANNOSE sul breve termine…

Gli affetti da MORBO DEL SOMARO/CAVALLO, sono SEMPRE della categoria 2!!!!

Poc’anzi ho scritto che “apparentemente sono degli ottimi gregari”… ora ti spiego il perchè!

Immagina di essere un povero mentecatto senza arte ne parte… quando “mostri la tua abilità” fai talmente pena che con un braccio esponi il cappello, con l’altro ti fai l’elemosina da solo!!! ( SE SEI UN COMPASSIONEVOLE!) Dove vuoi andare “esclusivamente con le tue forze”?!?!?! …Con questo giochetto, si crea una sorta di “microcosmo vizioso” in cui vige un “equilibrio tutto tuo”… il problema è che, alla lunga, finisci per soffrire di solitudine… (anche perchè non ti caga nessuno, ti schifa in pratica tutto il mondo animale, tranne le mosche! Quelle coi riflessi verdi!) 😉

Ma la natura è GENEROSA… e dietro ad ogni problema, nasconde una potenziale soluzione… per cui, come all’eremita che diventa cieco vivendo nella grotta ma sviluppa il SUPER UDITO, poco a poco si sviluppa l’abilità della favella… e come un cantastorie incantatore, si finisce per far breccia su “bambini e adulti dal quoziente intellettivo di una scimmia bonobo”!

A questo punto è sufficiente disporre di “mezzi di informazione” (ad esempio internet), e di uno straccio di CREDIBILITA’ che attesti il “DI QUESTO CI SI PUO’ FIDARE”, ed il giochetto stà in piedi…

Questa è la “principale ragione” per cui vivono orbitando costantemente su qualche pezzo di carta o riconoscimento “non sondabile oggettivamente”!

Secondariamente, la semplice mansione del “furfantello”, SPESSO FINISCE PER “NON BASTARE”!!! Anche l’animo avido e l’ego bisognoso VOGLIONO LA LORO PARTE!!!

Ed ecco svilupparsi l’abilità della DISTRAZIONE!!!

Di per se un’abilità neutra… ciò che le conferisce un significato POSITIVO o meno, è LA DIREZIONE in cui questa abilità porta…

disonesto 1…il DENTISTA che con molta creatività riesce a distrarre il paziente dal “male” per togliere il dente guasto, è una rappresentazione in POSITIVO dell’utilizzo di tale abilità… alla fine il dolore se ne sarà andato e la fiducia del paziente sarà stata onorata…

 

Ma cosa possiamo dire osservando la prossima vignetta?!?!?!

Disonesto distrazioneDistacchiamoci per un attimo dal contesto “politico”…

Ti è mai capitato di partecipare a “lezioni” dove sistematicamente invece di praticare, qualcuno GRIDA COSTANTEMENTE A QUALCOSA CHE NON VA NELLE ALTRE GUIDE e che non sia sondabile direttamente dagli stessi allievi??

Secondo te… di quale categoria fanno parte questi MMMMaestri???

Se hai risposto la “2” (senza aver barato!), direi che sei una persona “Piuttosto sveglia”!

CHI SA FARE e non sa trasmettere preferisce “parlare” attraverso la pratica… è l’ambiente a lui congeniale…mentre il “passare la conoscenza” gli risulta ostico e fonte di disagi continui…

CHI NON SA FARE ma SA TRASMETTERE, di solito punta il dito su “qualche testimone di successo”… non di fallimento… ed al limite, utilizza la distrazione come il dentista della vignetta!

CHI SA FARE E SA TRASMETTERE, prende spunto da ogni rottura di palle e ne ricava UNA LEZIONE PER TUTTI!  Ergo, sondabile e comprensibile dagli stessi!

Tuttavia, anche se a “Lungo termine” la verità esce sempre, in un mercato dai tempi contratti come quello odierno, vedersi minare la credibilità in anticipo comporta una serie di inconvenienti molto insidiosi.

Per inciso:

Nelle scuole FENG CHIN di Gong Fu, si ricorda “apertamente” che nel nostro ambiente NON SI VIENE A CREDERE CIECAMENTE IN QUALCOSA, ma a comprendere, studiare ed imparare!  NON SONO LUOGHI DI CULTO O “PARA-CHIESE”!!! Sono scuole!

L’abbiamo scritto anche “sui muri”!!!

Scritta ingresso

 

Ma, CHI NON CI CONOSCE DIRETTAMENTE o è facilmente “influenzabile” da meccanismi legati “proprio alle credenze”, NON E’ SEMPLICEMENTE IN GRADO DI COMPRENDERE! Al limite ritiene di “sapere” COSA FACCIAMO, ma IL “COME” sfugge inevitabilmente ALLE SUE CORDE!!

Prendo spunto per questo articolo proprio da una “RECIDIVA” di un problema che magicamente riappare ad ogni AGOSTO…

Dal “semiletargo cerebrale” caratteristico di “vecchie conoscenze”, il gran caldo fa muovere a casaccio qualche neurone in piu’ come la “pillola del 2%” del film di Capatonda, ed a mo di automa, appena qualcuno fornisce “le condizioni per farlo”, parte la “SOLITA CAMPAGNA DIFFAMATORIA AL LIMITE DEL RIDICOLO!

Ah… ma tu vai da quello? Insegna senza essere stato autorizzato da NESSUNO, non è mai stato riconosciuto come MAESTRO e “plagia gli allievi”…!

Tanto per fornire un po’ di chiarezza tramite un semplice ragionamento:

In primis… CHI è che “ha bisogno di farsi chiamare MAESTRO”?!?!? Di certo NON il sottoscritto!

Secondariamente…per manifestarsi il plagio devono per forza sussistere 2 condizioni: 1) un ambiente autoritario 2) un processo IPERSEMPLIFICATO e pre-giudizioso di valutazione interna basato INTERAMENTE su meccanismi legati alle credenze (e di cui il 90% delle persone non è purtroppo consapevole!!!)

Per cui, in parole povere, l’importante è che “qualcuno creda ad un pezzo di carta” e si pratichi in un ambiente dove la struttura gerarchica converge ad un KAPO!

Va da se, che la stessa “scimmia bonobo lobotomizzata” che continua a sparare queste cagate, dà esattamente prova “con i fatti” di CIO’ CHE SUCCEDE NEL LORO AMBIENTE ma che a parole “INDICA IN ALTRI”!!!! Esattamente come la vignetta del noto politico vista prima!  … o nella “moglie fedifraga” che punta il dito sulla “prostituta”…!

A questo punto “l’esca fa abboccare tendenzialmente 2 tipi di persona”:

  1. altre scimmie bonobo “affini a quel sistema”
  2. persone “curiose”, interessate ai corsi, ma di troppo poca esperienza per discernere tra ciò che credono e cio’ che in effetti sono in grado di comprendere…

Le prime, MI VA BENISSIMO CHE VENGANO “FILTRATE ANZITEMPO”…! Al di là della quota associativa si troverebbero immerse in un ambiente “poco congeniale” al soddisfacimento dei propri bisogni e lascerebbero presto i vari gruppi che proponiamo…ma quando capita “quello tenace”, c’è il rischio che mini costantemente dall’interno il principio virtuoso che abbiamo messo in piedi in anni di duro lavoro!!!

Tra le seconde invece, c’è tutta quella parte di gente che nel libro di “DeMello” a cui si faceva riferimento ad inizio articolo, si trovano in una condizione temporanea di CREDERSI DEI POLLI PUR ESSENDO UN’AQUILA!   Questo tipo di persone MI INTERESSANO MOLTO!!! (principalmente perchè divengono TESTIMONE VIVENTE del processo di miglioramento che abbiamo innescato! Migliora la loro condizione e migliora di riflesso quella dell’ambiente di pratica…)

Il guaio è che la condizione in cui si trovano è tale “proprio perchè VIVONO ALLE DIPENDENZE DI CIO’ CHE CREDONO e non ne sono consapevoli”!

Rimangono “le VITTIME PREFERITE” dei ciarlatani in quanto sentono intimamente la necessità di crescere, ma dipendono da “dove il loro credo li vincola”!

Ergo, se si trovano di fronte a “qualcuno che puo’ vantare credibilità” ed in grado di “fare breccia”, investono fortemente e di Cuore in tale direzione, auspicando nel “SANTO GRAAL” che permetta loro di “liberarsi” dalla condizione interna che li affligge!!! MA IL PROBLEMA E’ NEL PROPRIO SOFTWARE!!!! e la soluzione è NEL MODIFICARE QUELLO!!! NON NEL “GURU, SANTONE o MAESTRO DI TURNO”!!!

Il VERO AMBIENTE dove possono compiere questo cambiamento, è invece un ambiente AUTOREVOLE che TRASCENDA I CREDO… piu’ semplicemente UNO DOVE SI COMPRENDA INVECE CHE CREDERE…

…dove c’è consapevolezza, si manifesta la quasi totale inutilità dei credo!!!

Il personaggio in questione (e la sua portavoce!), incarnano esattamente CIO’ CHE CONDANNANO PUNTANDO IL DITO!!!  E per una questione di FOCUS MENTALE, anche non fossero così, CI SONO DIVENTATI PER EFFETTO DEL LORO MODO DI PENSARE!

Inoltre, non sessendo in grado di “coinvolgere” attraverso la loro ABILITA’ PRATICA, “hanno bisogno di un GARANTE” che spesso trovano in un pezzo di carta, o in versioni distorte di avvenimenti che “un esterno” non puo’ sondare!!!

O MEGLIO… POTREBBE ANCHE… ma dovrebbe “fare esperienza anche dalla controparte”!!! Ed il messaggio di “Ingresso” direi che parli chiaro!

ED ECCO EMERGERE L’IMPORTANZA DELLA STRUTTURA AUTORITARIA che “impone” la FEDELTA’ ASSOLUTA e la NON CONTAMINAZIONE ATTRAVERSO ALTRE ESPERIENZE!!!

Un giochetto “antico”… Una volta almeno era diretto: STAI CON NOI O TI FACCIAMO FUORI?!

Chi optava per la seconda strada veniva materialmente ucciso!!!

Ora invece, nel giochetto delle “percezioni” legate alle proprie credenze, l’esser fatto fuori è TOGLIERE IL RICONOSCIMENTO DEL PROPRIO VALORE (Percepito!)

Una sorta di ricatto psicologico…

Quello abile a livello pratico TI MISURA SUBITO E TI STENDE (ovviamente questo tipo di persona NON FA PARTE DELL’AMBIENTE GUIDATO DAL SOMARO/CAVALLO!)

Quello non ancora abile “si basa sulla credibilità che sai dimostrare”…

…ed ecco l’importanza del:

DIIIPLOOOOOOMMMMAAAAAA… del Maestro Italiano Medio!

Ma non dimenticare:

  • “causalmente NON AVRAI ALTERNATIVE AL CHIAMARLO MAESTRO“!
  • “non avrai altro MAESTRO all’infuori di LUI”!
  • “NON VORRAI MICA FARE ESPERIENZA PER TRARRE CONCLUSIONI!!!!! GLI ALTRI TI PLAGIANO E NON SONO STATI RICONOSCIUTI“!!!

Un’utile domanda potrebbe essere:

Riconosciuti DA CHI e attraverso COSA??!!?!?

Per cui, caro lettore, se proprio proprio vuoi essere “RIDIMENSIONATO AL 2%” delle tue facoltà mentali, prendi la pillola del film di Maccio Capatonda E VAI A sc…..aaaarrreeeee!!!!…almeno godi! 😉

 SE invece decidi di calcare la via DEI “MAESTRI DEL DIPLOOOOOOOOOOOOMMAAAAA”, assicurati costantemente la LIBERTA’ di poter fare esperienza con qualche esponente di “un’altra parrocchia”!!! Potresti scoprire un corso “piu’ in linea con le tue reali esigenze” dando forma “AL TUO REALE POTENZIALE”,  invece che fare la fine del CRICETO NELLA RUOTA che si affanna rincorrendo un PEZZO DI CARTA utile solo a tenere in vita un “ingranaggio sterile di evoluzione”!

Con l’augurio che questi contenuti abbiano potuto alimentare la tua consapevolezza strappandoti un sorriso, Ti auguro una “buona scelta ed un’esperienza appagante”! ^_^

FORZA e CORAGGIO ti accompagnino sempre!

 

Sergio Simoncelli Insegnante Gong Fu

-Sergio-

4 risposte su “MAESTRO ITALIANO MEDIO…La vera storia del somaro convinto di essere un cavallo!”

Caro Ivo, “prima o poi”, in un modo o nell’altro CHI CERCA TROVA!!! Non è un caso che “certe opinioni” si rilevano costantemente “infamie da bar” o atti eroici della rete!!! Capisci da dove nasca l’esigenza di farsi chiamare MAESTRO a priori e “non ti possano toccare altrimenti ti uccidono”?!?!? Ecco perchè hanno bisogno di allievi che CI CREDANO FORTE FORTE!!! 😉

Che dire. Si vede chi lavora per produrre e chi per distruggere. Nel senso, te Sergio non hai mai sprecato energie per screditare altre palestre, ma ti sei sempre concentrato sullo sviluppo della tua associazione. E ti ringrazio per avermi “”””plagiato””””” al meglio 😀

Grazie Taz… “in verità ti dico”: ti ho plagiato, ed è per questo che scrivi queste cose… Passa dalla scuola per i 50€ promessi!!!! ahahahah 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.