UN ESERCITO “DI PRECOX”! …che si svegliano col morto…

C’è scappato il morto, e il web pullula di PRECOX e di improbabili fantomatici giustizieri!

E’ di questi giorni il solito tamtam mediatico senza sosta sul fattaccio accaduto a Lloret de Mar…

Un banale litigio in discoteca l’ultimo giorno di vacanza a Barcellona e si torna a casa in una bara…

ATTENZIONE:

Lo scopo di questo articolo è semplicemente quello di “cogliere una lezione” da un avvenimento dall’esito tragico!!!

Comprendo pienamente “lo stato d’animo” di chi conosceva il ragazzo, me ne dispiaccio, MA NON E’ INTENZIONE DI QUESTE RIGHE “LO SPECULARE SU UNA TRAGEDIA PER RACATTARE CONSENSI ATTRAVERSO UN PROCESSO EMOTIVO”!!!!!!!!!!!

Se come “lettore” NON sei in grado di “rimanere lucido” e affrontare un dibattito razionale, SEI PREGATO DI INTERROMPERE QUI LA LETTURA!!!

Non ho NESSUNA INTENZIONE di perdere tempo prezioso.

SE INVECE sei in grado di accettare una discussione “Intelligente” che possa permettere a qualcuno di “estrarre” qualcosa di buono da un “evento di merda”, SEI IL BENVENUTO.

I FATTI…

Ad oggi, anche a causa del piccolo lasso temporale accorso dal fattaccio, le informazioni sono ancora frammentarie e confuse…

QUESTO E’ UN PASSAGGIO CRUCIALE!!!!

In quanto, non conoscendo TUTTI I FATTI e le DINAMICHE che hanno segnato l’evento, IL VOLER GIOCARE A FARE I GIUDICI diventa possibile esclusivamente con un ATTO DI PRESUNZIONE!

E’ sicuramente (dal punto di vista razionale) UN ABOMINIO ergersi ad attore protagonista di UN FILM PERSONALE in cui scenografo, sceneggiatore, coreografo e regista combaciano con lo stesso individuo!!!

Solo l’OSSESSIONE EMOTIVA DIVINA autorizza qualcuno a “spingersi così oltre”…

Forse “condizionati da un po’ troppa televisione”…

Ti ricordi Minority Report?

Il film dove Tom Cruise ricopre il ruolo di un poliziotto del futuro, in cui gli assassini VENGONO ARRESTATI ancora prima che abbiano compiuto il reato!

Per farlo si avvalgono delle facoltà dei PRECOX… Questi 3 individui collegati ad un macchinario in grado di intercettare la loro capacità di “prevedere i delitti”… attraverso cui i poliziotti intervenivano e una giuria “condannava per far giustizia”…

Ma anche i PRECOX si sono sbagliati… ok?!?!

BENE. Ora torniamo alla vita reale…

UN BACK GROUND DISTORTO…

Una delle cose che mi colpisce di più nell’osservare “la vita dei social media”, NON E’ il “pischellino intorno ai 20 anni” che vive una sorta di dislocazione cognitiva dalla realtà…

Capisco che sono cresciuti in una società dove “troppo spesso” la vita virtuale sembra divenuta QUELLA PRIMARIA, mentre quella reale rappresenta una sorta di “store” (magazzino) da cui prelevare i tasselli che servono per costruire la verità dell’altra!

Ma le persone che come me hanno superato il muro dei 40 anni, hanno vissuto (si presume) una vita “più autentica… materiale”…

Il gioco delle percezioni, prima dell’avvento di internet, era qualcosa di confinato alla creativita’ e mediamente alla fantasia degli individui…

…e tuttavia, era ESSA il supporto per la VITA REALE… non il contrario come ora!

Ma qualcosa “non torna”!

Con un back ground “meno distorto” dei teenager attuali”, il quarantenne sembra incastrato in una sorta di “frame” della GUERRA o della PARTITA DI CALCIO…

…dove il confronto è sempre dicotomico: UNO PERDE, L’ALTRO VINCE…

Per “i più competitivi” IL PAREGGIO NON E’ CONTEMPLATO!

Ed ecco che “commettere l’errore” di GIUNGERE A CONCLUSIONE AFFRETTATE ed in balia di uno stato emotivo, finisce per rivelarsi SEMPRE una cazzata…

Che molto spesso provoca una scia di conseguenze nefaste…

Riflessioni RAZIONALI…

Cliccando sulla foto qui (se non l’hai già fatto ad inizio articolo), ti si aprirà una pagina direttamente linkata al video della sorveglianza del locale, che ritrae “pochi secondi” del fattaccio…

Se nella tua vita NON HAI MAI ASSISTITO ad una rissa, molto probabilmente potresti rimanere emotivamente “scosso”… SPECIE “SAPENDO” che il ragazzo con la maglia bianca è morto…

TI RICORDO LA PREMESSA DI QUALCHE RIGA SOPRA:

Lasciamo stare “i processi emotivi” e di impulso CHE I MEDIA sciacallano per monetizzare le notizie (specie quelle tragiche)…

Cerca di rimanere LUCIDO e razionalmente “ragionare” su quanto REALMENTE SAI, VEDI E PUOI CAPIRE!

NON si capisce “nulla della reale dinamica”…

La quantità di immagini è talmente ridotta che RISULTA IMPOSSIBILE “CAPIRE” che cosa abbia condotto all’epilogo di questi pochi frammenti…

  • NON si riesce a vedere (e capire) CHI ABBIA PROVOCATO LO SCONTRO
  • NON si capisce “chi stia con chi”… (il tizio con la maglia grigia è furioso e chiunque gli arrivi a tiro “le prende”!)
  • NON C’E’ NESSUNA RISSA O “AGGRESSIONE 3 CONTRO UNO” come gli sciacalli mediatici continuano a ripetere ossessivamente “nonostante le immagini DICANO ALTRO”!!!!
  • C’è UN PICCHIATORE, 2 persone stese a terra (maglia bianca e maglia nera), un terzo che viene steso (maglia bianca in basso nel video), un quarto che ci prova poi si ritrae (maglia grigia destra del video)… In mezzo, un altro (maglia nera; sembrerebbe l’amico del Ceceno) che non fa praticamente nulla; e uno con la maglia rossa che cerca di “evitare interferenze tra i diretti interessati” prima, e FERMARE o PLACARE la situazione poi…

In soldoni: NON SI CAPISCE UN CAZZO al di là di pochi istanti in cui E’ UNO SOLO CHE PICCHIA contro svariate persone!!!!

Se non:

“Maglia grigia è furioso, forte e CAPACE di combattere in modo efficace”.

E’ uno che “quando muove le mani” SA IL FATTO SUO, e FA IN MODO CHE “IL SUO AVVERSARIO”(o avversari) NON POSSA PIU’ RAPPRESENTARE UN PERICOLO…

Discorso “PER GLI ADDETTI AI LAVORI”…

Tra meno di un mese, riprenderanno tutte le attività stagionali…

Ci sarà in ritorno ai “corsi di arti marziali, sport da combattimento e difesa personale VARI”!

I MIEI dovrebbero avere BEN CHIARO come io la pensi da insegnante di arti marziali, e mi auguro che “non abbiano piu’ dubbi rispetto alle varie discussione sull’argomento”… (COME VEDETE I FATTI SOSTENGONO PIENAMENTE [purtroppo] CIO’ CHE VI DICO DA ANNI!)

Assodato che “ognuno dei 3 rami” porta con se peculiarità specifiche (che talvolta dipendono “dalle singole scuole e addirittura DAI SINGOLI INSEGNANTI”), si “sa” che i 2 protagonisti principali erano “del nostro ambiente”…

Il ragazzo che è morto faceva BOXE…

Il ragazzo Ceceno in galera (maglia grigia) è un lottatore… (tra l’altro, dalle notizie diffuse, sembrerebbe far parte di una scuola francese di alto livello)…

CHI FREQUENTA IL NOSTRO AMBIENTE, “sa” che difficilmente un bravo allievo finisce per FAR CASINI fuori dalla palestra/ring/dojo/kwon!

Specie se frequenta “arti marziali tradizionali”… dove “il combattimento” è una metafora per studiare, e NON UN METRO DI VALUTAZIONE (come negli sport da combattimento dove è IL KO a parlare…)

Quando una ventina di anni fa, quelli della mia età uscivano la sera ed abitando sul lago di garda dovevano SCEGLIERE LA DISCOTECA IN CUI ANDARE, si ricorderanno benissimo che “la rissa” in mezzo alla calca era una consuetudine!!!!

D’altra parte, se COMPRIMI COME SARDINE una moltitudine di individui in spazi limitati, è anche plausibile che “la gomitata” scappi facilmente…

Bastava un bicchierino in piu’, o “il carattere che s’infiamma facilmente”, e “le botte erano assicurate”…

Per quanto OGGI sembra che si parli di un mondo extra terrestre, ERA LA NORMALITA’… E’ SEMPRE STATA LA NORMALITA’… (nel senso che E’ SEMPRE ACCADUTO CHE SI FACESSE A BOTTE… NON che “tutti siano così”!!! CHIARO!?!?!)

Se non era per la gomitata era per “lo sguardo eccessivo alla propria donna”… o cose simili…

Chi ha vissuto la realtà delle discoteche anche dalla parte della barricata della security, sa anche che “raramente” ci è scappato il morto.

A volte per sfiga… (magari uno batteva la testa cadendo)

A volte per essere “incappati nel personaggio sbagliato”… che “vile” (cosa che accomuna MOLTI DELINQUENTI), tirava fuori la lama (un coltello) o “il ferro” (una pistola!)

E’ SEMPRE SUCCESSO…

SUCCEDE ORA…

SUCCEDERA’ ANCORA…! Mettetevi l’animo in pace…

Quando si mettono insieme “troppe persone di vario tipo” in contesti dove facilmente si può perdere il controllo, le probabilità dei fattacci si alza…

Quanta FOGA…!

Riguardando il filmato, una delle cose che “colpisce di più” è senza dubbio la FOGA del “maglia grigia”…

Ora… se si indaga accuratamente, SICURAMENTE si trova un “legame”, una spiegazione a quel tipo di atteggiamento…

Potrebbe esserci una connessione con LA STORIA PERSONALE del ragazzo Ceceno…

Ma potrebbe anche semplicemente essere il frutto di “spiacevoli coincidenze” legate a risvolti a breve termine dall’evento! (provocazioni, alcool, droghe e via discorrendo)

Se hai mai praticato o assistito ad un combattimento di MMA per esempio , guardando il video a “mente lucida”, NON VEDRESTI NULLA DI “STRANO”… al di fuori di ciò che “comunemente avviene in una gabbia di MMA”!!!

(i media parlano di “lotta”, ma non mi stupirei se si venisse a sapere in un secondo tempo che l’hanno fatto impropriamente… e magari “l’assassino” era un atleta di questa disciplina)

Certo…

…nella vita REALE non c’è un ARBITRO CHE FERMA L’INCONTRO!!! … non è SPORT!  Chiaro??

“Lo hanno massacrato di botte in 3 finche era a terra”…

Ad essere sincero, attirato dal titolo medio, mi aspettavo di vedere una “porcata da delinquente”!!!

In 40 anni ne ho viste decine!!!

In discoteca, SI, ma anche “alla festa di paese”, agli autoscontri, durante spettacoli o eventi ove si accumulano “masse di persone”.

Ho visto persone prendere “scarpate in faccia” mentre erano a terra inermi, e anche di peggio…

Eppure, il morto non ci è mai scappato…

Ci scappa invece, ogni tanto, SUL RING o IN GABBIA…!

(ognuno tragga le proprie riflessioni a riguardo…)

Quello che però VEDO in questi pochi istanti di video, è un ragazzo “furioso SI”, ma che piazza una pedata SECCA a uno che si stava rialzando…

Vedo un individuo che “cerca di produrre quella caratteristica delle competizioni e dei corsi di self defence CHE FUNZIONANO, chiamata survive… sopravvivenza”!

Nella situazione di pericolo, DEVO FARE IN MODO che chi mi aggredisce NON RAPPRESENTI PIU’ UN PROBLEMA.

Ho letto in rete che qualcuno ha nominato “addestramenti PARA MILITARI”…

CERTO… il 99% dei gettonatissimi corsi di autodifesa LO SONO!!!! (grazie al cazzo!)

Anche le Arti Marziali Tradizionali Orientali “lo erano!” (quello che ci arriva ora beh… parliamone!)

Si lotta per vincere! SEMPLICE…

E se il mio avversario è molto forte, la via più proficua è quella del KO! Del renderlo “non piu’ pericoloso”! CLARO?!?

Tanto parlar di nulla…

E’ veramente difficile trarre conclusioni sulla vicenda dal punto di vista “morale” dai SOLI frammenti di notizie, dei reali fatti accaduti, o della reale dinamica attraverso 10 secondi di filmato relativi “al tragico epilogo”!

EPPURE…. TUTTI SANNO TUTTO…

…CI RAGIONANO ZERO…

…E ZERO SARA’ LA LEZIONE CHE NE RICAVERANNO”!

Un “ragionamento” invece che vale pena fare, è che UN ALLENAMENTO IMPRONTATO sul “KO” come parametro di validità per il proprio operato, porta con se “rischi come questo”!

Allenare LA MANO A COLPIRE ancor prima del CERVELLO CHE NE GOVERNA IL MOVIMENTO, è rischioso… SEMPRE!

Lo è SUL RING dove tuttavia c’è un ARBITRO PRONTO AD INTERVENIRE… (ma il maglia rossa in qualche modo “nel filmato” SEMBRA FARLO!)

Ancor di più per strada… DOVE “UN PACERE REALE NON ESISTE”! (dove qui invece c’era…anche se “poco efficace”… oppure EFFICACE DA RING: dove intervieni “dopo il KO… non prima OK?!?)

E “nella media”, chi pratica sport da combattimento (vent’anni fa era di moda il kick boxing), è “fatalità SEMPRE IN PRIMA LINEA” durante le zuffe negli ambienti “a rischio” (dove si accalcano molte persone)

Aggiungiamoci che “lo sport più gettonato” nelle location dove accadono più spesso questi eventi, è “il bere o il drogarsi”!!!

Bel mix del cazzo!!!

Lo si fa per esorcizzare magari “paure e insicurezze”, per essere più spigliati con le donne,ma la disinibizione finisce inevitabilmente ANCHE PER “TOGLIERE I FRENI DOVE INVECE SERVIREBBERO”!

Una sgomitata o una spinta per sbaglio, qualche parola di troppo, “LA MANO LIBERA” PER COLPIRE…

Succede “con la persona bagliata” e le coincidenze possono tramutarsi in TRAGEDIA!

C’è poco da far discorsi a vanvera…

Succedeva 40 anni fa e oltre…

…quando si aveva la decenza e la lucidità di “affrontarsi da UOMINI”… e gli SGARRI O MALINTESI, si risolvevano in un campo fuori dai locali… ma dove “una volta che ci si era spiegati” (se non si trattava di delinquenti), la cosa finiva li!

Succedeva 30 anni fa…

… quando la rissa iniziava ad essere di moda… e dall’uno contro uno, si passava sempre piu’ spesso al “confronto di squadra”…

Succedeva 20 anni fa…

…quando “la rissa spesso ero lo scopo” nascosto dietro al divertimento di gruppo… ma nelle discoteche, LA SICUREZZA FUNZIONAVA DIVERSAMENTE e di solito “si faceva in tempo a sedare la situazione prima che degenerasse”…

Succedeva 10 anni fa…

…quando si è fatta avanti una generazione di “mediamente viziati e IPER PROTETTI”… dalla famiglia in primis, e da una società “accomodante “sempre pronta a condannare LA REAZIONE mentre legittimava LA PROVOCAZIONE… Il mondo della SECURITY ha perso “molte garanzie” grazie a questa “falla sociale”…

Le “sberle mancanti in famiglia” non potevano piu’ arrivare neppure da fuori…

La vacuità di valori educativi, formava così una generazione “senza palle da un lato”, ma viziata da una realta’ “sempre più piena di DIRITTI e sempre più povera di DOVERI”…

Arrivando al giorno d’oggi… dove la LIBERTA’ è ormai confusa con il LIBERTINISMO e la percezione che ci sia SEMPRE QUALCUN’ALTRO A DOVERSI PRENDERE LE RESPONSABILITA’ DELLE PROPRIE AZIONI…

Un festival dell’INCONSAPEVOLEZZA, dove per giunta si consumano ALCOOL E DROGHE come fossero noccioline…

 Ma…

…alcool e DROGHE sono sono “i catalizzatori del problema”!

Le cui radici affondano in una “carenza di valori” ed una DERESPONSABILIZZAZIONE EDUCATIVA senza precedenti…

Poi ci sono “I CONDIMENTI”…

Mettere insieme “persone di ogni genere” e con le piu’ disparate differenze culturali e “abilità personali”, ammassati come sardine in luoghi dove si va per “la figa, per far casino e sballarsi“…

Ci si dovrebbe meravigliare quando le cose “filano liscie”!

Conclusioni…

Ma a voler “fare i razionali”…

  • SI… ci sono “dei calci e dei pugni di troppo” (forse, dipende dalla “reale dinamica dei fatti”! una volta KO si son fermati… TARDI purtroppo)
  • NO… fino a prova contraria “non c’è nessuna aggressione 3 contro uno”
  • NO… non c’è nessun gruppo di “osservatori reporter” impegnati a filmare cosa sta succedendo… sono tutti li per la figa, per far casino e sballarsi… i filmati sono “delle telecamere del locale”!
  • SI… c’è uno “infuriato e capace di combattere”… ma anche se avesse avuto scritto sulla maglietta “sono infuriabile e capace di combattere”, dubito fortemente che in quel contesto non si sarebbe trovato coinvolto o l’avrebbero evitato…
  • SI… c’è un assassino “per le conseguenze dei fatti”… ma NO! …non credo che si tratti di un delinquente e che ci fosse “la volontà di uccidere”… (da quello “che si vede”, ce n’è sicuramente di più in chi guida ubriaco!) Un DELINQUENTE avrebbe tirato fuori un coltello e fatto un macello con “il supporto” di altri “2 fratelli”!!! La sfiga ha voluto che si incontrassero “2 individui con una certa propensione al combattimento”… uno era molto piu’ forte e abile…

A proposito di “quelli intorno”…

  • NO… non vedo nessun comportamento omertoso da parte della folla!!! capisco “l’emotivita’ del dramma”… ma se non ci fosse  un morto, NON NE PARLEREBBE NESSUNO e tutto apparirebbe come LA NORMALITA’ CHE FA PARTE DI QUEI CONTESTI E CON QUEI PROTAGONISTI. Diversamente sarebbe scoppiata una RISSA (come qualche decennio fa, e forse a farsi del male sarebbero stati molti di piu’…)
  • NO… non c’è “nessun nazionalismo” nel fatto che sia rimasto secco “un italiano” e i Ceceni “siano delle merde”!!! Se fosse successo ad un Romeno o un Albanese in una delle discoteche italiane ad opera di ragazzi italiani, tutto sarebbe stato percepito “come giustificato”, o “vagamente legittimo”… evitiamo di fare “gli idioti”!
  • SE PROPRIO PROPRIO NON SI RIESCE AD EVITARE DI “GIOCARE AI GIUDICI SENZA ARTE NE’ PARTE”, ALMENO SI ABBIA LA DECENZA DI FARLO “SU DATI REALI SUFFICIENTI!!!”  Non si sa ancora un cazzo, e quello che si riesce a capire di quello che si vede in pochi secondi di filmato, E’ QUALCOSA DI PROFONDAMENTE DISTORTO RISPETTO AI “TITOLI ANTISONANTI”… testimonianza del “lavoro sporco che imperversa tra i media”…

BUTTAFUORI???

  • NO… non ci sono responsabilità da parte della security!!! FINITELA CON LO STRAVACCARE LE RESPONSABILITA’ SEMPRE SUGLI ALTRI O SU ALTRO!!! ) I BUTTAFUORI “NON SONO I GENITORI”! 9 buttafuori per 2000 persone sono numeri che “da noi” erano possibili fino a 20 anni fa!!! Quando tra l’altro c’era una CERTA “LIBERTA’ DI AZIONE”… oggi i buttafuori sono mediamente 2 o 3 per 2000 persone, non possono “legalmente fare un cazzo”, se non avvertire le autorità… che “con la gentaglia sono messe nello stesso modo”! (forse in Spagna va un po’ meglio!)  Inoltre, dalle notizie frammentarie a disposizione, sembrerebbe  che il fattaccio sia avvenuto “fuori dal locale”! (ma anche fosse avvenuto all’interno, quando questo tipo di eventi accadono, tutto succede in pochi istanti… e di solito “manca il tempo materiale” di intervenire adeguatamente… a meno che non si abbia la fortuna di “riuscire a scorgere qualche segnale di tensione” in anticipo…)
  • SMETTIAMOLA DI “DI DIRE CAZZATE” (attraverso un telefonino/tablet/computer) e demonizzare “quelli che non sono intervenuti!!” Ho capito che “PIACE VINCERE FACILE” e davanti ad eventi già accaduti PER QUALCUNO IMPERA UNA GRAN NECESSITA’ INTERIORE DI FAR VEDERE CHE “SI E’ MEGLIO DEGLI ALTRI”, (come quelli che DOPO un incidente sbandierano le soluzioni al caso: POTEVI FRENARE PRIMA, POTEVI CAMBIARE STRADA PRIMA, POTEVI FARE COSI’ O COLA’… )… chi si SIA REALMENTE TROVATO IN SITUAZIONI SIMILI sa che “o ha le capacità per farlo”, o se n’è tornato a casa dopo averle prese O AVER CONTRIBUITO AD INCREMENTARE IL CASINO! Ne ho i coglioni pieni di “gentaglia” che da spettatore della TV sputa sentenze senza avere la MINIMA ESPERIENZA… Una volta succedeva “con i pensionati che davano lezione a tutti su tutto”… ora la RETE PULLULA DI “GIOVANI” ridotti come i “vecchi di una volta”… (con la differenza che UNA VOLTA “MOLTI PARLAVANO DALL’ALTO DI UNA GRANDE ESPERIENZA VERA”… rompevano i coglioni, ma con cognizione di causa!)

UNA VOLTA DI PIU’, il casino più grande lo sta facendo IL MONDO DEI MEDIA che impatta SULLE MASSE “TUTTA EMOTIVITA’  E ZERO RAGIONAMENTI”! 

E’ il momento di STARE ZITTI… aspettare che la magistratura faccia luce SULLA VICENDA portando a galla “tutta la parte di fatti mancante” e le reali dinamiche che hanno condotto a quel tragico epilogo.

Personalmente ci vedo un mix letale di “inconsapevolezza più o meno cercata”, un contesto “compresso” e una certa dose di sfiga!

Dove 2 ragazzi che “conoscono il COMBATTIMENTO COME SPORT” sono finiti entrambi vittima di UNA REALTA’ DI STRADA completamente diversa da quella del RING!

Dove capita anche di MORIRE… ma almeno si era SALITI PER “PER COMBATTERE”!

Morire COMBATTENDO IN UNA DISCOTECA DOVE SI ERA ANDATI PER DIVERTIRSI è solamente la testimonianza di un problema piu’ profondo!

Ma un problema che “fa parte della normalità” di ogni periodo negli ultimi 60 anni… (anche se con sfaccettature diverse)

PRIMA???

 

Prima a quell’età di “combatteva e moriva in guerra”!!!

 

Ma che dentro evidentemente CONTINUA AD ESISTERE!

Quando tra un paio di settimane…

…andrai a iscriverti al corso di Arzi Marziali/Sport da Combattimento/Difesa Personale per la nuova stagione, RAGIONA!!!!

 

E se NON DEVI PARTIRE PER LA GUERRA, inizia a pensare di “NON CREARTELA DENTRO”… o cercare quantomeno di RISOLVERE QUELLA TRA CERVELLO E MANO, prima di “armare quest’ultima” e abituarla all’AZIONE!

Se “il corso ti permette di fare questo”, HAI FATTO BINGO!

 

– Sergio –

Sergio Simoncelli Insegnante Gong Fu

 

 

 

 

Zaijian

Questa voce è stata pubblicata in ARTI MARZIALI, SVILUPPO PERSONALE e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a UN ESERCITO “DI PRECOX”! …che si svegliano col morto…

  1. Denis scrive:

    Ciao a tutti concordo su quanto detto. Purtroppo anche la mia impressione è che ci sia una forma d’ignoranza di massa dovuta al fatto che “non si ha tempo” d’informarsi meglio sui fatti. È più comodo vedere o leggere le notizie così come sono presentate senza “perdere” altro tempo, tanto se l’hanno scritto, vuol dire che è così. Questo atteggiamento, che non nego d’aver avuto anche io, è la cosa più sbagliata che ci possa essere. Reputo importante fare un passo indietro raccogliere un po di umiltà e t9gliersi il prosciutto dagli occhi prima d’esprimere un giudizio definitivo.

    • Artista Marziale Artista Marziale scrive:

      Ciao Denis…

      Personalmente penso che non sia tanto una questione di TEMPO… ma di “abitudine”!!!

      Se la cosa fosse “internamente ritenuta IMPORTANTE”, il tempo si troverebbe…

      Tuttavia NON E’ COSI’ BANALE LA QUESTIONE…

      IO ci lavoro e trovo l’evento qualcosa di ESTREMAMENTE IMPORTANTE SU CUI INDAGARE… ma in rete non è che trovi poi così tanto…

      Parte delle informazioni vengono VOLUTAMENTE OMESSE…
      Altre vengono DISTORTE…
      Altre MANIPOLATE con cognizione di causa…
      E soprattutto, essendoci una “morte violenta di mezzo”, per una questione GIURIDIGA ciò che viene fatto filtrare dagli inquirenti è pressochè ZERO… almeno fino a quando “la giustizia” non avrà fatto il suo LUNGO CORSO (in casi come questo)

      Preoccupante è che, abituati ad una GIUSTIZIA “FATISCENTE” nel nostro BelPaese, la SETE del BOIA è cresciuta a dismisura tra il popolo… I professionisti dei MEDIA lo sanno, e “monetizzano la cosa” strutturando una sorta di PROCESSO MEDIATICO dalle tempistiche ISTANTANEE (a cui hanno accesso democraticamente TUTTI… ed in cui “un COGLIONE ha la stessa voce in capitolo di UN ESPERTO”!!! …RIFLETTERE PLEASE si questa cosa!)

      Tutto, se dai uno sguardo al background della cronaca nera degli ultimi anni, si consuma in pochi giorni…

      NULLA CHE ABBIA A CHE VEDERE CON IL “PROCESSO REALE” DI ACQUISIZIONE E VALUTAZIONE DELLE INFORMAZIONI…

      I media “vendono” INFORMAZIONI PRECONFEZIONATE per creare “processi esplosivi”!!!

      Tam tam mediatico di qualche giorno…

      Tanti click monetizzabili sul web in vari modi…

      Tanti “presuntuosi ignoranti” che SERVONO i SIGNORI dei media (che a volte sono semplici web-marketer!)

      Nel caso tuo personale, è FONDAMENTALE CHE TU CI RIFLETTA!!!!

      Perchè in qualche modo “sei connesso” a qualcuno che LOTTA per far SOPRAVVIVERE IL RAGIONAMENTO sacrificando la propria REPUTAZIONE MEDIATICA!!!

      (ti assicuro che sarebbe per me MOLTO PIU’ REDDITIZIO “monetizzare a mia volta” la mia capacità di “informare” utilizzando le CHIAVI IN FRAME che servono!!!)

      Ma “avendo la vena sempre aperta dello studioso” (prima che quella dell’insegnante), RAGIONO… indipendentemente dal “prezzo” che il farlo comporta nella società odierna…

      Non è mai una questione di giudizio “definitivo”… è in realtà più semplice Denis…

      Se guardi indietro uno degli articoli con lo CHEMA DEL SUB UMANO, c’è TUTTO RIASSUNTO!!!

      Lo so che “non è piacevole” scoprire che si funziona in quel modo, MA E’ IL PRIMO INDISPENSABILE PASSO PER EVOLVERE!!!

      Sub Umano, tra l’altro, non vuole avere una connotazione NEGATIVA in termini OFFENSIVI!!! A volte “spingo” con una percezione simile in tale senso quando scrivo alcuni articoli, ma è mediamente SOLO IN RISPOSTA ALLA PROFONDA PRESUNZIONE che scorgo paradossalmente in chi FUNZIONA IN QUEL MODO…

      SUB… “sotto”… umano… Come SUB – conscio…

      E “guardacaso” (ad essere sincero non ricordo più se avevo dato la spiegazione su questo BLOG o su un altro) TUTTI GLI “AUTOMATISMI” che ci siamo strutturati come ABITUDINE, vivono nello strato “sub-conscio” della nostra mente…

      CI SIAMO ABITUATI PER ANNI a comportarci in questo modo… ma negli ultimi 30 anni la tecnologia ha fatto un’evoluzione di portate epiche, e questo ha fatto si che “le tempistiche di adattamento della mentalità” non siano riuscite ad allinearsi al presente…

      In altre parole… TUTTI I NOSTRI GENITORI (per quelli più o meno della nostra età!) sono sempre funzionati così… e quel tipo di mentalità “ci stava” nella società che hanno vissuto…

      OGGI i RESIDUI INERZIALI di un tale modo di pensare, si scontrano FEROCEMENTE con delle tempistiche ed una capacità di diffusione della notizia IMPENSABILI fino una ventina di anni fa…

      Ma CENTRI IL SEGNO quando nomini l’UMILTA’!!!!

      E’ NECESSARIO “METTERE IN DISCUSSIONE IN MODO CRITICO.
      E’ NECESSARIO “COLLOCARE L’ASPETTO EMOTIVO” IN UN POSTO PIU’ CONSONO nelle personali “scalette interne”! FINCHE LE EMOZIONI RIMANGONO “AL PRIMO POSTO” e per giunta le ARROCCHIAMO su di un EREMO DIVINO INTERNO che poi non SI TOCCA, beh… chettelodicoaffare!!!

      EMOZIONI “SI”, ma sostenute dalla RAZIONALITA’! NIENTE REAGIRE IN SEGUITO AD “IMPETI EMOTIVI”!

      In altre parole (ma è necessario studiare qualcosina in più sulle credenze per poter decifrare in toto la questione!), “CIO’ CHE CREDO HA VALORE SE E SOLO SE SONO IN GRADO DI SOSTENERLO CON CIO’ CHE COMPRENDO”!!!

      Qualcosa che un certo Gurdjieff aveva già sollevato decenni fa… definendo come PSICOPATIA (malattia ella mente), l’INCAPACITA’ DI FAR COESISTERE IN MODO ARMONIOSO CIO’ CHE SI COMPRENDE CON CIO’ CHE SI CREDE… 😉

  2. manuel scrive:

    Ciao Sergio!
    Devo dire che non mi ero più di tanto interessato alla notizia, guardando il “video incriminato” devo dire che effettivamente si vede una rissa meno brutale di tante altre viste ai nostri tempi. Un ragazzo che ne picchia un altro e che smette appena l’avversario è KO con tre ragazzi che cercano di fermarlo ( e rischiano di prenderle).
    Dal basso della mia esperienza posso dire che probabilmente è stata solo (perdona il francesismo) sfiga nera, nessun accanimento nessuna arma non convenzionale ( leggi bottiglie di vetro e simili) ” solo” il colpo sbagliato al momento sbagliato.
    Ora, con tutto il rispetto per il dolore della famiglia, vorrei lanciare una provocazione: E se la rissa fosse stata iniziata dal ragazzo italiano? Se fosse stato ubriaco o altro e ad iniziare a ” menar fendenti” fosse stato lui ed il CECENO ( terra di guerrafondai e quindi persone violente nell immaginario nostrano) si fosse solo difeso?
    Certo il morto c’è scappato ed un minimo di “punizione” va’ applicata ma da quello che si vede non me la sento di condannarlo anche perché (almeno ai miei tempi) le risse si vogliono da entrambi le parti, difficilmente se ti tiri indietro con una persona estremamente aggressiva questa muove le mani comunque.
    Nei miei anni da discotecaro ho avuto moltissime occasioni di menar le mani ma con uno “scusa” in più o un girare i tacchi senza dimostrare aggressività o altezzosità non ho mai avuto problemi, fortuna? Forse! Ma la fortuna va’ cercata.
    Tutta questa storia mi ha dimostrato una volta di più che il grosso del giornalismo, almeno da noi, é fatto da un branco di iene che non aspetto altro di avere un minimo di notizia per dare in pasto una carogna ( che non esiste) agli avvoltoi saputelli del web che sputano sentenze su tutto e tutti con la tastiera ma che se gli parli a quattr’occhi dimostrano di essere senza balls. Altroché i poveretti della discoteca che non volevano fare la stessa fine. E poi cosa avrebbero dovuto fare linciarlo?
    Altra domanda se invece di un povero italiano e di un “violento” ceceno fossero stati due spagnoli ai nostri perbenisti sarebbe interessato qualcosa? Non credo proprio!

    Poi aggiungo un evviva l’ignoranza nostrana verso le arti marziali: Oltre alle domande di rito sopracitate addirittura dove lavoro, da ormai dodici anni, molti colleghi hanno letteralmente paura di me perché ho fatto e faccio arti marziali e addirittura kickboxing….. No comment…. Avrò litigato (a parole) una volta sola li dentro..
    EVVIVA L’IGNIORANZA;)

    • Artista Marziale Artista Marziale scrive:

      Ciao Manuel… Anche tu “hai centrato il punto”… o meglio… I VARI PUNTI ANNESSI al fattaccio!

      Il primo di essi è proprio: “MA CHE COSA VEDE IN REALTA’ LA GENTE”?

      NULLA!

      Ciò che i giornalisti sanno (e anche gli avvoltoi da web), è che le persone sono “condizionate dal FRAME”, la “CORNICE della notizia”… di conseguenza, molti di loro (è stato “dimostrato” INFINITE VOLTE!) invece di “guardare un video e cercare di capire”, HANNO GIA’ LA LORO IDEA PRECONFEZIONATA DA UNA “SENSAZIONE DI CERTEZZA”, e cercano nel video LA CONFERMA A QUELLA SENSAZIONE!

      Nulla di nuovo per chi (come voi) si è già trovata a “parlare di CREDENZE” e come funzionano… ma la maggior parte della gente funziona OGGI (da un punto di vista cerebrale) peggio di UN KROMAGNON!

      Una persona “lucida” che guarda il filmato SENZA NESSUN FRAME costruito da titoloni antisonanti, ci vede esattamente quello che ho scritto e che hai visto pure tu… Ma LA TENTAZIONE di assimilare ogni informazione alle PROPRIE CONVINZIONI è uno SPORT molto in voga tra la gggente comune…

      In merito alla tua provocazione, è stato uno dei miei primi pensieri (che ho volutamente omesso per non creare troppo rumore!) …non mi stupirebbe affatto che la cosa improvvisamente emergesse… se non altro per il fatto CHE PUZZA DI CAROGNA IN PUTREFAZIONE la “verità marginale” che hanno lasciato trasparire… si tratta di un video delle telecamere di sorveglianza… “E DOVE CAZZO E’ FINITO IL RESTO DEL VIDEO”?!?!?! (paradossalmente, nel momento in cui il BOBOLO DEI GOMBLODDISTI avrebbe legna da ardere per il proprio fuoco interiore, toh… tutti muti…FORSE PERCHE’ SONO UN PO’ ALLERGICI AI RAGIONAMENTI!) ^_^ (visto che siamo in tema di provocazioni!) 😉

      Altro punto: IL POPOLO DEI GIUSTIZIERI… quelli che “loro PARTONO E NON CI PENSANO”!!!! Poi se va male sono quelli che ci lasciano le penne (nella loro personale sceneggiatura del film che si proiettano nella zucca!) …in pratica SI VEDONO CON LE CARATTERISTICHE TEORICHE dell’assassino (capaci di essere efficace in combattimento), ma poi “fanno i modesti” (una parte di loro “ragionevolmente” SA che si stanno “leggermente SOVRASTIMANDO!!!”)… e omettono casualmente di “VEDERE” quei 3 o 4 che dalla calca CI PROVANO e non hanno successo!!!! (Ma và!?!?!?!?)

      Nella loro mente, 10 omuncoli senza caratteristiche e doti particolari, DOVREBBERO AVERE LA MEGLIO SU UNO CON DU PALLE COSI’ ED EVIDENTEMENTE PRESTANTE! (non è un’adulazione… una semplice constatazione sui fatti riscontrabili dal video!)

      Paradossalmente, in questa imperante LOGICA E FORZA DA BRANCO, li senti “blaterale di continuo” condannando esattamente “LA FORMULA MENTALE DI CUI SONO PORTATORI”… e non si rendono nemmeno conto che gli unici esiti che può dare è:
      1) sei forte e con le palle? ASSASSINO
      2) NON sei forte ma hai le palle? MORTO o protagonista “passivo” del KO
      3) NON sei forte e NON hai le palle? Ti pietrifichi come se avessi guardato in viso la DEA MEDUSA!

      Se VERAMENTE ci fossero state persone intorno con le PALLE e LE CARATTERISTICHE ADATTE, inoltre, l’esito finale sarebbe stato ANCORA PIU’ PROBLEMATICO!!! Soprattutto grazie all’ESERCITO DI PRESUNTI DREDD vissuti e cresciuti “nella televisione”!!! Che avrebbe solo finito per ALIMENTARE “L’ALLARME INTERNA” dei diretti interessati alla zuffa!

      Non solo, sorvolando sul fatto che l’ultima volta che ho potuto vedere una discoteca in Spagna era il 1998, un’altra questione che sfugge “ai furbi”, è il tipo di efficienza che mediamente ha l’organizzazione della security… (con “costi annessi”, competenze, fortuna etc…) Altro DISCORSO LUNGO…

      I giornalisti, come dici, condivido che siano assimilati AGLI AVVOLTOI… ma almeno per loro, SI TRATTA DICHIARATAMENTE DI LAVORO!!! Oggi funziona in questo modo, e I FURBI non si rendono conto CHE IL PRINCIPALE MOTIVO PER CUI L’INFORMAZIONE E’ STRUTTURATA CON QUESTI PARAMETRI E’ PROPRIO “PER COME FUNZIONANO LE MASSE”!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      Se invece di “reagire emotivamente e passare accecati all’azione” (sia chiaro, che per il 90% del popolo è COSA FATTIBILE SOLO CON UNA TASTIERA O TELEFONINO IN MANO!!!) si prendessero la briga di CERCARE DI INFORMARSI IN MODO INTELLIGENTE E CERCARE DI COMPRENDERE FATTI E DINAMICHE PRIMA DI “PASSARE ALL’AZIONE”, anche la struttura della diffusione mediatica CAMBIEREBBE! E’ mercato dopo tutto…!

      Riguardo l’ultimo punto che sollevi… LA RISPOSTA C’E’ GIA’ IN RETE… (per chi SI INFORMA e non parte accecato da cosa gli compare sulla bacheca di facebook!!!)

      Solo la settimana prima, vicino a Napoli, un ragazzo di 32 anni ci ha rimesso le penne… ad una festa di compleanno che si è “COMPLICATA” con la complicità dell’alcool, e che si è “evoluta IN RISSA”!!!
      2 Italiani protagonisti… dinamica molto simile… NESSUNO NE SA UN CAZZO… nessun giornalista o “avvoltoio del web” che strumentalizza le informazioni…

      E COME PUOI BEN NOTARE… SILENZIO… il popolo di “giustizieri” è tornato nel TUNNEL e ha perso coraggio e soprattutto “LA VOCE”!!!

      Riguardo all’ultimo punto… beh Manuel… per molti sono sicuro che sia più il frutto del “non aver nulla di realmente importante da dire o su cui dibattere”… non sanno come approcciare e per “fare i simpatici” ripetono “frasettine da automi” che tuttavia per GLI OUTSIDERS (all’ambiente marziale) sono anche comprensibili…

      IGNORANZA si, ma quella buona dai… 😉

  3. Michele scrive:

    Purtroppo quanto sta accadendo ATTORNO al fatto, non fa altro che confermare ciò che è sotto i nostri occhi tutti i giorni. L’ignoranza/arroganza/presunzione/mancanza di buon senso (solo per citarne alcune) delle persone che mi circonda (e il problema non è mai quando incontri qualcuno con una sola di queste “caratteristiche”, ma quando si mixano in un solo individuo) sta diventando una “valanga” che tutto investe e tutto devasta al suo passaggio. E la cosa che più mi spaventa è che questa valanga sembra alimentarsi di ciò che investe, diventando sempre più grande e inarrestabile.
    Lavoro in una attività commerciale in centro città (Verona) e tra cittadini (di qualsiasi tipo) e turisti (di qualsiasi tipo), posso assicurare di assistere tutti i giorni a eventi di questo tipo. No..non di gente morta in una rissa..ma di come le persone esprimano giudizi su qualsiasi cosa e in qualsiasi momento ma sempre e costantemente senza sapere nulla dei fatti e/o del contesto in cui sono inseriti.
    Un esempio? Riunione di lavoro su un tema abbastanza importante che coinvolgeva direttamente i dipendenti. All’ora prestabilita si presentano il titolare, io (in forma di responsabile dell’attività) e 4 dei 7 dipendenti. Riunione svoltasi in tutta tranquillità e in tempi anche ragionevoli. Morale della favola? 2 dei 3 assenti hanno iniziato a sputare sentenze su quanto discusso arrivando a mettere in bocca ai presenti cose che non erano minimamente state pensate. E nessuno dei due ha chiesto cosa effettivamente fosse stato detto, ne tanto meno se quello che avevano sentito corrispondesse a verità.
    Fortunatamente non c’è scappato il morto, ma la cosa che mi lascia sbigottito tutte le volte che noto questo atteggiamento è la naturalezza con cui viene portato alla luce. Come è naturale la rinascita di una pianta dopo l’inverno, è diventato altrettanto naturale non ragionare e presumere di sapere senza in realtà andare a fondo delle cose.
    Mi rendo conto di una cosa però che fa la differenza. Io ho trovato qualcuno (Sergio) che mi ha spiegato, e tutt’ora con il presentarsi dell’occasione ci tira fuori la lezione, le problematiche legate ad un atteggiamento di questo tipo, come fare per non cascarci dentro e tutte le complicazioni del saltare subito al giudizio legato ad una propria credenza.

    Per quanto riguarda il fatto in se, ci trovo ben poco da dire. Mi spiace per lo spreco. Spreco di una vita sicuramente, ma anche di un possibile talento in ambito sportivo (sia per l’italiano che per il ceceno). Posso garantire che sul tema arti marziali/difesa personale/sport da combattimento c’è una vastità di ignoranza mostruosa. Basta pensare che i commenti medi che ricevo quando qualcuno scopre che pratico arti marziali (senza specificare dall’età di 6 anni, altrimenti il paragone con Mel Gibson in “Arma letale” sarebbe sicuramente a mio favore) sono: “A ma allora sei pericolo, meglio non farti arrabbiare”, o “Quindi se ci trovassimo in una rissa, meglio che sto dalla tua parte”, ma la mia preferita (in realtà è una domanda) è “ma la quella cosa li che fai è più di difesa o di attacco?”

    A voi tirare le somme…

  4. Tazfaunoz scrive:

    Esatto. Fatalità dopo la letta di ieri sera ho trovato 800mila post su questo caso. Tutti a puntare il dito alle persone di contorno. Ipocrisia. Come hai detto tu tutti buoni a parlare quando scappa il morto e soprattutto quando non ci si è veramente in mezzo.
    Un giorno forse si ritroveranno in una situazione del genere e potranno fare tranquillamente i paladini 😀

    • Artista Marziale Artista Marziale scrive:

      Gia… aleggia “una presunzione sconfinata” (di cui il web è terreno fertile)… non si tratta di “conoscenza legata all’esperienza”… semplice e chiara presunzione… IL VERO GUAIO? Appena provi a dibattere razionalmente la questione, ti accorgi del “secondo cavallo di battaglia più gettonato”: L’ARROGANZA!!! Sono arroccati nel propio bozzolo (per vari motivi), e la maggior parte di loro, pur ammettendo di “capire”, RIMANGONO DELLA LORO IDEA… anche se palesemente in conflitto “con ciò che comprendono”!!! (ma che percepiscono solamente come L’OPINIONE ANTAGONISTA!!!!) Paradossalmente “dimostrano nei fatti la stessa stupida logica che permea la massa CHE CONDANNANO”, eppure, non solo non se ne accorgono, MA HANNO LA SENSAZIONE INTERNA DI CERTEZZA “DI AVER RAGIONE”!!!! (La prova? ti rispondono: TU HAI RAGIONE, MA… dove “il tu hai ragione” non è una cosa PERSONALE… semplicemente riescono ad intercettare IL RAGIONAMENTO CHE ESPRIMI, ma “hanno la guerra dentro”!!! Tra ciò che capiscono e ciò che credono!) Questo atteggiamento “sterile” non porterà mai a galla “la lezione da cogliere dal fattaccio”… qualche settimana di “clamore di massa”, e tutto si spegnerà puntualmente… come accade “di rito” a ripetizione ormai da anni… un branco di AUTOMI… dalla logica “presunta del precox” che si vorrebbe intervenisse per impedire le disgrazie!! Logica che ripropongono in mille contesti, ma ha bisogno della “fine tragica” per catalizzare il pensiero: SE LA PRENDONO CON LA POLIZIA perchè “non c’è mai quando serve”… e questo fa rabbia… Se la prendono con la security perchè SE UNO MUORE E’ PERCHE’ NON SONO INTERVENUTI… Se la prendono con la folla (nonostante in 10 secondi si veda chiaramente che in 3 o 4 “ci provano” e finiscono KO in un istante!) perchè se ci scappa il morto E’ COLPA LORO!!!! SONO LORO “CHE FANNO PIU’ SCHIFO” DEI DIRETTI INTERESSATI… SOno quelli che se la prendono con i medici e le case farmaceutiche, e poi per una diarrea si precipitano all’ospedale! Quelli che vedono “gli interessi di BIG PHARMA” ma non vedono quelli BEN PIU’ ALLETTANTI delle “medicine alternative” e dei FARMACI PLACEBO PIENI DI NULLA! Sono “quelli che HANNO PERENNEMENTE LA SOLUZIONE IN TASCA”, ma “a conti fatti” e “per gli altri”!… Poi nella loro realtà I FATTI dicono completamente altro, si inceppano davanti ogni difficoltà e reagiscono D’IMPULSO emotivamente senza mai ragionare su nulla… L’importante è “svalangare merda di continuo” su QUALCUNO o QUALCOSA che faccia da capro espiatorio… Chissà SE SI SONO MAI CHIESTI “DA DOVE ARRIVI TUTTA QUELLA CACCA”?!??!?! Un intestino “pulito” non sarebbe in grado di “produrre tanto”… ^_^

      • Michele scrive:

        Rimango dell’idea che il mondo è povero di pali per allenare il condizionamento…e io saprei dove trovarne in abbondanza!!!!

  5. Tazfaunoz scrive:

    Ciao Sergio!
    Eccomi qui. Allora premetto che non mi ero informato sulla faccenda l’avevo sentita alla radio al ritorno delle vacanza dal titolo: “Tre russi arrestati per aver ucciso un ragazzo di botte”.
    Ovviamente si è fomentato il tutto perché il ragazzo è italiano (se fosse stato spagnolo la notizia non sarebbe nemmeno passata).
    Che dire dopo aver visto il video, come dici tu, l’unico a far casino è quello li che sembra un tornado. Tra un po picchiava pure gli amici.
    È vero. Non si sa nulla della vicenda. Non sappiamo chi è stata ad iniziare il tutto e non sappiamo il perché di quel nervosismo (quasi sicuramente lucido lucido non era).
    Questo scoop mediatico mi ricorda molto il caso Harambe quello del gorilla. Ero rimasto allibito quando sul web giravano video tagliati malissimo (in un pomeriggio credo di farlo meglio) dove facevano vedere il primate docile e calmo con scritte del tipo: “lo coccolava meglio dei genitori!” “Lo portava in giro per la gabbia in braccio per farla vedere!”. Giuro senza parole. Anche in quel caso i genitori erano visti come mostri anche se, non sappiamo la dinamica. Magari è stata la distrazione di qualche minuto e il bambino spinto dalla curiosità è caduto. Ovviamente se hai un bambino piccolo in uno zoo il livello di attenzione deve essere massimo, quindi uno schiaffone di sicurezza ci stava :D.
    Ritornando al video. Il leoni da tastiera che incolpano la maraia di contorno… loro sarebbero intervenuti? Io vedendo uno che colpisce chiunque e in quel modo avrei girato l’angolo. Codardo? No voglio solo tornare a casa con tutti i denti grazie. Unica conclusione che sono riuscito a tirarne fuori?
    STARE ALLA LARGA DA STE ROBE. Alcool o non alcool, droghe o non droghe. Amplificano soltanto il tuo stato d’animo. Io mi sono fatto le mie bevute, mi sono fatto le mie serata a modi sardina, mai fatta una rissa (ne ho sfiorata una qualche anno fa ma schivata non alzando le mani). Se esci stando sereno, e alle gomitate casuali non reagisci (che tra l’altro spesso e volentieri ti chiedono scusa) se ne esce tutti interi. Spezzo una lancia in favore di alcool e droga. Come detto poco fa sono catalizzatori, amplificano uno stato d’animo. Si, ovviamente se se ne usa una quintalata è un altro discorso. Però, a parer mio, in dosi “normali” non portano di certo a essere il Conor McGregor della serata 😀

    Il Fauno

    • Artista Marziale Artista Marziale scrive:

      Già caro taz… Media che titolano “pompando e distorgendo” (ma loro ci campano così)… Leoni da tastiera “che avrebbero SICURAMENTE avuto la soluzione in tasca” (specie perchè non ci si sono MAI TROVATI IN QUELLE SITUAZIONI!)… Ma visto che nomini McGregor… da marginalmente appassionato “anche” di MMA la questione è proprio questa: “i comuni mortali” che “GIOCANO A PRENDERSI A PUGNI” per capire se “sono forti abbastanza”, sono purtroppo a contatto con una “realtà pratica” attraverso cui si “sviluppa l’automatismo del KO”!… Nella norma, “il McGregor della situazione” è piu’ raro delle particelle di principio attivo in un prodotto omeopatico!!! ^_^ La “sfiga” ha voluto che “in questo caso” lo si abbia trovato nella calca di una discoteca a Lloret de Mar… Sai qual’è il VERO GUAIO? E’ che se fosse stato VERAMENTE McGregor, lo avrebbero riconosciuto, e se per caso ci si fossero imbattuti “per sbaglio” con una gomitata, SI SAREBBERO SCUSATI e poi avrebbero chiesto l’autografo! In mezzo alla “calca” di locali come quelli, NON SI SA MAI “CHI C’E’ DALL’ALTRA PARTE”!!! E questo è un problema!!! Specie per quelli che, “qualsiasi sia il motivo per cui lo fanno”, interpretano una gomitata o una spinta come “UNA SFIDA PERSONALE O UNA DICHIARAZIONE DI GUERRA”! Ripeto…in questo caso IO CI VEDO “UNA GRAN SFIGA” che ha sposato una serie di coincidenze nefaste… sono cose che “capitano sempre”… ma 99,99 volte su cento, epilogano in un occhio nero, delle ammaccature, un ko… Quasi mai “la morte”! Se riguardi bene il video inoltre si vede SI che il tipo è in “uno stato di foga” (come capita a quelli che si son trovati a prendere cartoni da varie direzioni e NON DA UN SOLO AVVERSARIO!… alla facciazza DEI DEMENTI che blaterano di soluzioni con l’intervento degli altri presenti!), ma è anche vero che AL KO “si ferma”! Non è piu’ in pericolo… DI MERDE che insistono a scarpare la faccia di qualcuno di esanime a terra, ne ho viste in varie occasioni… come ho visto “abili delinquenti” sfregiare o mandare all’ospedale qualcuno “che aveva fatto qualche banale sgarro”, usando “lame” e senza tanto clamore… QUASI TUTTI se ne accorgevano solo quando sulla pista si manifestava un’enorme chiazza di sangue! QUELLI SONO “GLI ASSASSINI VERI”… i delinquenti… questi sono stati solo 2 semplici “coglionazzi”(non per mancanza di rispetto, sia chiaro), che per cazzate si son messi le mani addosso… (come capita quotidianamente!)… e purtroppo è finita male! NULLA DI LONTANAMENTE ACCOSTABILE ai “titoloni mediatici” che VOGLIONO 1000 VOLTE PIU’ SANGUE da parte dei “giustizieri da web”, di quello che in tutta probabilità c’era quella sera tra i due ragazzi…
      MA NON SI PUO’ FAR RAGIONARE CHI “NON VUOLE FARLO”! La cosa “PALESE” che stranamente sfugge ai vari DREDD DA TASTIERA, è che basano tutto su 10 secondi di filmato delle telecamere di sorveglianza del locale “tagliato ad hoc”, (non di un telefonino!)… E IL RESTO DEL FILMATO “CHE AIUTEREBBE A CAPIRE MEGLIO LE DINAMICHE DEL FATTACCIO”?? ^_^ Tu arrivi dalla KICK… sorvolando sul fatto che esistono AMBIENTI SANI e MENO SANI… Ti ricordi cosa cercavi??? ^_^ E l’hai trovato nell’ambiente delle arti marziali (dove comunque esistono ambienti sani e meno sani)… Un’altra cosa che sfugge e che forse è quella PIU’ IMPORTANTE PER VIVERE IN UNA “SCOIETA’ NON IN GUERRA”, (E TU LO SAI BENE) è che pur arrivando “ai confronti fisici”, nelle scuole di arti marziali SERIE (a differenza delle palestre per sport da combattimento) il passaggio E’ GRADUALE… e difficilmente si arriva “ad attivare le mani” prima del cervello! In questo contesto alcuni aspetti “psicoemotivi, psicofisici e filosofici”, crescono IN ANTICIPO rispetto alle abilità di combattere! QUESTO E’ FONDAMENTALE CAPIRLO “prima di iscriversi ad un corso”! Nel filmato si vede (ripeto) il POSSIBILE TRAGICO EPILOGO di un’abitudine a SVILUPPARE PRIMA LE ABILITA’ DELLE MANI CHE QUELLE DEL CERVELLO… Poi (mi ripeto ulteriormente) IL CONTESTO ha generato gran parte del potenziale pericolo ed il tragico epilogo…PER TUTTI!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.