L’inequivocabile segnale della “mente plagiata” (dal MAESHTRO di arti marziali)

“Ma se salta fuori questo e ti attacca… secondo te usando la tua arte marziale vincerai”?!??!

Se una frase del genere avvenisse tra bambini in un asilo, non ci sarebbe nulla di strano.

Ricordo chiaramente le fattezze di questo tipo di domanda, ma quando ero bimbo un simile quesito era più che altro volto a soddisfare una naturale curiosità.

Non è certo lo stesso per la mente degli adulti…!

Quando un adulto infatti pone questo tipo di domanda (e non lo fa da OUTSIDER al bar e mezzo brillo), e contemporaneamente frequenta corsi di arti marziali da diverso tempo, 

“QUALCOSA NON VA DI CERTO”!

Di solito un tipo di domanda simile è caratteristica degli ambienti marziali strutturati per riempirsi le tasche a scapito degli individui meno consapevoli

…e basta veramente poco per “portare a galla una realtà che casualmente viene spesso mantenuta fumosa e colma di segreti“!

Si tratta di ambienti “paradossali”:

Sono contemporaneamente colmi di dogmi e “regole ferme” (soprattutto sull’aspetto pagamenti!), ma estremamente ed improvvisamente volubili in termini di didattica…

Che muta da un giorno all’altro in funzione di “qualsiasi input esterno” che faccia traballare le SICUREZZE FITTIZIE del docente.  (per giunta spacciate come oro colato!)

Il corso/arte MIGLIORISSIMO DI TUTTI!

L’approccio per un INSIDER con un po’ di esperienza, permette di riconoscere con una certa facilità quando “i conti non tornano”…

…ma quando ad entrare in contatto con questo tipo di corsi è un individuo senza esperienza, la questione si complica.

Un po’ di insicurezza condita da qualche problematica psico affettiva/fisica può creare infatti una condizione che spinge  a cercare stabilità in convinzioni  e “a dar poco ascolto alla propria razionalità”.

A queste condizioni un malaffare è nella sua fase embrionale ed a farne le spese (col tempo) sarà SEMPRE E SOLO L’ALLIEVO! (la sua mente)

E’ tuttavia VERO che , a volte, alcune persone sono talmente “rinchiuse con arroganza nelle proprie convinzioni”, che chiunque provi a farli ragionare viene percepito come una sorta di nemico!

Paradossalmente, il “ciarlatano” che asseconda tali sensazioni, è invece percepito come “un benefattore”.

(un po’ quello che accade tra “tossici e spacciatori”)

Le caratteristiche di base di queste organizzazioni sono visibili DA TUTTI, ma vanno interpretate in modo RAZIONALE per essere intercettate per quello che sono!

Piccoli GRANDI indizi…

  • Corso per TUTTI / TUTTI sono adatti al corso (soprattutto i più deboli!)
  • Molta COMPASSIONE e Poca FRANCHEZZA! (chi ti dice le cose in faccia è uno stronzo!)
  • Didattica SEGRETA! (Vuoi mai che si possa “testare apertamente qualcosa”!)
  • Ideali per la DIFESA PERSONALE, per la CRESCITA PERSONALE, per lo sviluppo di SICUREZZA IN SE STESSI (manca solo di sviluppare le capacità dell’ARROTINO e c’è tutto!)

Ora, con molta serenità, che un corso per tutti prometta risultati strabilianti a chiunque e in tutte le direzioni, “dovrebbe far sorgere qualche dubbio”!!!

Sembra quasi lo SLOGAN del venditore di un supermercatino truffaldino in cui C’E’ TUTTO PER TUTTI…

CHIUNQUE E’ ADATTO A LASCIARE DENARO IN QUEL POSTO!

E’ questo che “il venditore” sta dicendo apertamente!

E in effetti puoi “COMPRARE quasi tutto”!!!

Tranne chiamare per nome IL MAESHTRO e tardare il versamento “del pizzo”… pardon, della RETTA MENSILE.

Chiunque paga può diventare un EROE insomma… BASTA CREDERCI FORTE FORTE!

Poi gli anni passano, ed a forza di “ripetere alla nausea quelle 2 cose pratiche e convinzioni varie”, il crederci si autoalimenta costantemente e “2 abilità fisiche” si ottengono pure…

…ma un piccolo dubbio inizia ad emergere…

…o meglio, non è mai stato “guarito”… e coltivato con costanza sembra diventato inaffrontabile!

Siamo sicuri che facendo queste 2 cose per anni, poi sarò veramente in grado di difendermi se mi trovassi nella situazione di doverlo fare?

Dubbio legittimo nei primi mesi… NON CERTO DOPO ANNI!

Se non hai mai testato “nulla al di fuori del copione che ha sceneggiato il MAESHTRO” spacciandolo PER POTERE SUPREMO, come può essersi sviluppata la benchè minima sicurezza in se stessi!?!?

Un po’ come se prendi un operaio che deve premere 2 bottoni in fabbrica.

Dopo 4 anni riuscirà a farlo con gli occhi bendati, cantando o leggendo il giornale.

Creare AUTOMATISMI e sviluppare “capacita’ di adattamento e reattività ad imprevisti/ostacoli” NON SONO LA STESSA COSA!

La mente RAZIONALE “lotta con tutte le proprie forze” per aiutare a capire “CHE QUALCOSA NON VA”… (forse anche più di qualcosa!)

L’unica certezza REALE è LA QUOTA MENSILE CHE SBORSI, e la “sfuriata divina” che passerai se non lo fai puntualmente!

Ma cosa genera questa domanda irrisolta?

Semplice:

Nella mente dell’allievo ideale (per questo tipo di ambiente) ciò che viene compreso è costantemente MOZZATO E AFFAMATO, mentre CIO’ IN CUI SI E’ TENUTI A CREDERE “NEL TEMPIO” è diventato OBESO e talmente “PROTETTO” da essere divenuto inattaccabile!

E’ piuttosto chiaro il giochetto (più o meno consapevole) che questo tipo di docenti mette in atto…

Io sono il Dio tuo… (Chiamami maestro per semplice rispetto formale!…)

Tu non avrai altro Dio all’infuori di ME… ( Se lo fai rischi di “contaminare” la purezza dello stile… o magari scoprirne le falle esecutive e veder traballare d’improvviso L’IDEA MISTICA E CERTA CHE TE NE SEI FATTO!)

Un ambiente strutturato già con questi 2 paletti, genera una condizione di subordinazione inconsapevole a cui NESSUNO NELLA SCUOLA PUO’ SOTTRARSI!

In una condizione del genere, i dubbi legittimi che si incontreranno, non solo non troveranno mai risposta, ma rischieranno di divenire “una spina nel fianco” al docente…

…che non sapendo rispondere in modo appagante per l’allievo, lo farà sentire inadeguato e talvolta colpevole di “oltraggiare la sua autorità” con domande stupide/scomode.

Ma quale dovrebbe essere il VERO RUOLO di un Maestro?

E qui casca l’asino… specie per i SUPER SOMARI che vivono crogiolati nel proprio ego, smanianti di farsi chiamare SHIFU / SIFU…

Ne ho già parlato a più riprese in vari articoli che trovi qui sul blog, quindi non mi dilungherò molto sulla questione…

Di base, quel tipo di accezione in Cina indica un ruolo che alle competenze del maestro di arti marziali, fonde le “responsabilità di un padre”.

Si tratta quindi non più di “una figura che fornisce mere istruzioni per sviluppare abilità marziali”, ma di un vero e proprio “educatore”.

Ora pensa ad un “genitore”…

Secondo te il suo ruolo primario è quello di INCATENARE LA MENTE DI UN FIGLIO, “TENERLO SOTTO”, SCORAGGIARLO AD ESPLORARE LA VITA SEGREGANDOLO NEL “RECINTO DEL SAPERE DI FAMIGLIA”, FARGLI PAGARE IL VITTO E L’ALLOGGIO… etc etc?

O magari…

Liberare e stimolare la mente di chi dipende da lui, portarli al suo livello e stimolarli A SUPERARLO…

Spingerli a fare esperienza con coraggio “uscendo dalle mura sicure di casa”…

Accollarsi il prezzo del vitto e alloggio dei figli fino a quando non saranno nelle condizioni di divenire INDIPENDENTI?

Già!

PERCHE’ SE NON VENGONO LASCIATI DIVENTARE INDIPENDENTI, la vedo un po’ duretta!!!!

Ma LA SUPREMAZIA DEL PADRE rimarrà immutata… per “mancanza di palle” dei figli…

IL RE E’ SALVO! …i principini non rappresentano una minaccia al trono!

Una bella “casata di EUNUCHI” sempre pronti a sacrificarsi “per il padre”…

MA PER RISPETTO REVERENZIALE…?

O PERCHE’ NON SONO MAI STATI MESSI NELLE CONDIZIONI DI ACQUISIRE CONSAPEVOLEZZA SUFFICIENTE SULL’AMBIENTE IN CUI SONO “CRESCIUTI”!?!?!

Ricavandone una CASTRAZIONE al proprio sviluppo?!?

(mi si conceda l’eufemismo in essere con la parola “cresciuti”!

…forse lo sono IN NUMERO, forse NEL PESO, forse FISIOLOGICAMENTE o anagraficamente…

MA NON CERTO PSICOLOGICAMENTE o sul piano evolutivo!)

Insicuri erano PER INESPERIENZA prima di iniziare il percorso…

INSICURI SONO ORA “PER L’ESPERIENZA STERILE” che li ha pervasi in questi anni!

Ti sembro troppo duro?

Se ti fai quel tipo di domanda, significa che “la parte razionale della tua mente” ti sta avvisando che i conti non tornano!

Trovati un amico/conoscente (o qualcuno disposto a farlo), entra in una gabbia da MMA (o su un ring) e prova a “confrontarti con qualcuno che pratica sport da combattimento” più o meno dal periodo in cui tu pratichi arti marziali.

Sentirai la mente che “improvvisamente inizierà a formulare frasi colme di se, ma, forse, però“.

Se il tuo amico sarà rimasto li e non si sarà perso in legittime risate, magari inizierete…

Ed un’altra sfilza di SE, MA, FORSE, PERO’ inizierà a farti cercare i motivi per cui NELLA REALTA’ non risulti COSI’ FORTE COME SEI STATO CONVINTO DI ESSERE DIVENTATO!

Un epilogo scontato…

La tua disciplina è l’ideale in termini di difesa personale (e per giunta donne, insicuri, deboli..etc…)?

DIMOSTRALO!

Ma nei fatti… non nei “giochi di prestigio delle emozioni e delle convinzioni”!

Se tuttavia frequenti quel tipo di corso e dopo anni non HAI MAI:

  • potuto sperimentare confronti con altri discipline
  • praticato nemmeno un minuto dello “sparring non accondiscendente” (con qualcuno che non faccia quello che vuoi tu o che ti si sottometta per fini didattici o ordini dall’alto!)
  • fatto a botte una volta per strada…

Porta pazienza… ma non ti accorgi proprio che “quel tipo di domande” ti escono proprio perchè MANCHI  DI SEMPLICE ESPERIENZA PRATICA?!?!

“Se no l’è pan l’è polenta…” La svolta dei MAESHTRI…

Cascati nella fontana “della realtà”, ecco che alcuni maeshtri furbacchioni, si giocano la carta della crescita personale…

Poi ci parli insieme e mentre gli anni passano LI TROVI SEMPRE INCHIODATI AL PUNTO DOVE LI AVEVI CONOSCIUTI.

Mentalità SALDATE IN CONVINZIONI DOGMATICHE, ed una sorta di allergia alla discussione ed al ragionamento!

Alla faccia della crescita!

Qualcosa che cresce a livello personale, tuttavia c’è: MA SOLO NEL MAESHTRO!

E’ cresciuta:

  • la sua “FAMA TRA I SOLDATINI DI CARTA”
  • le dimensioni del suo EGO BULIMICO
  • il portafoglio… d’altra parte, SE NON HA QUELLO PIENO e si dovesse confrontare con un minimo di “difficoltà economica”, come farebbe a “vendere la propria immagine di saggezza, serenità, tranquillità imperturbabile” (tranne per i soldi, s’intende… su quelli è legittimo scatenare le ire divine!)

Concludendo…

Il corso ideale per tutti e per sviluppare tutto, NON ESISTE!

Più si cerca “qualcosa di efficace”, e più dovrà essere SPECIFICO E SELETTIVO!

Tanto per darti uno spunto: i “sistemi militari” utilizzati nei classici corsi di difesa personale, FUNZIONANO!

Quello “che non ti dicono” (anzi, ti dicono che è PER TUTTI!!!!) è che tra i professionisti (che già non è “TUTTI”), il taglio selettivo è di 1 a 100.000 circa!!

Sai cosa significa?

Che dalle selezioni iniziali , su 100.000 selezionati, raggiungerà i livelli da professionista/specialista SOLO UNO!

TEL LO RIPETO?!?!

UNO SU 100.000!

E pensa che in buona parte di quegli ambienti, di solito “almeno si combatte” e quantomeno si scopre cosa significa “prendere un colpo vero”!

E’ un semplice specchietto per le allodole che tradotto significa: “I SOLDI DI TUTTI SONO UGUALI”! …se tu non hai le caratteristiche “a noi NON INTERESSA”!

PAGA! …col tempo ti renderai conto da solo se non sei tagliato per queste cose!

NON FARTI FREGARE!

Un Esperto VERO ed onesto, non avrà problemi a dirti le verità e rinunciare “ai tuoi soldi”!

Non sono i conti ad interessargli, ma i I RISULTATI CHE PUOI OTTENERE TU!

 

Vuoi veramente diventare esperto di “difesa personale”?

Non posso dirti QUI tutto ciò che DEVE ESSERCI “nel corso giusto”…

Ma posso sicuramente dirti CIO’ CHE ASSOLUTAMENTE NON DEVE MANCARE IN QUEL CORSO:

“allenarti includendo negli allenamenti IL COMBATTIMENTO NON ACCONDISCENDENTE!”

Non basta proprio “l’abilità tecnica”… la vita reale non è IL FILM!

Vuoi intraprendere un percorso di “crescita personale”?

BENE!  Scordati di “dover credere nei dogmi del maeshtro”!

Si cresce affrontando “le difficoltà”, i cambiamenti, ciò che non si conosce… ci si allena anche “discutendo”, ragionando, comprendendo e sperimentando a livello pratico ciò che si capisce.

Si tratta sostanzialmente di una questione di intelligenza (ovviamente applicata alla pratica!)

NON FARTI FREGARE! …lo ripeto…

E se nell’ambiente che ti piacerebbe frequentare inizi a sentire domande del tipo:

“Ma se adesso saltasse fuori Tizio e ti attaccasse così…”

…ma tu non fai “il maestro d’asilo” e intorno hai adulti che fanno arti marziali…

TIRA SU LE ANTENNE!  C’è puzza di bruciato!

Se invece tu che leggi stai già frequentando un ambiente del genere, forse I TUOI DUBBI “SULLA SALUTE” di quella scuola non sono poi così infondati!

RAGIONA! E dai più valore a ciò che comprendi!

E’ un corso di arti marziali, e tu non combatti mai!!!???

Non si tratta della donna della tua vita di cui ti sei innamorato e non ragioni più, ok?!?   SVEGLIA!

Se quel tipo di domanda di attanaglia personalmente, ti chiedo di NON prendertela a male.

Queste righe non sono uno “attacco personale nei tuoi confronti”! (ANZI!)

I confronti però servono (soprattutto quelli pratici e nella vita reale!)

Fai le verifiche che ti ho indicato e scoprirai da solo iL MOTIVO DEI TUOI DUBBI!

Solo una cosa…:

“Se sono anni che frequenti quell’ambiente marziale e più di qualcosa che hai letto RISUONA con la verità che vivi a lezione, cerca di riflettere e ragionare, ricordandoti di NON STUPRARE ULTERIORMENTE LA TUA CAPACITA’ DI COMPRENDERE con quello che sei arrivato a credere come ti ha insegnato il tuo MAESHTRO”

Quello non è un Maestro vero!

E’ soltanto un insicuro, che per furbizia ha trovato il modo di rendere “ben più insicuri di lui” chi gli sta intorno, e che per giunta lo paga per farlo!

SI CREDE UN FIGO (nel suo ambiente) non per “merito reale”, ma perchè quelli come te lo fanno sentire tale.

Se intimamente non aspiri anche tu a quella logica truffaldina ed alla “scalata gerarchica” in una tale organizzazione, SGANCIA e guardati intorno!

Qualcuno di sano e ONESTO lo trovi ancora…

Come lo riconoscerai?

SEMPLICE:

Ti guiderà stimolandoti a ragionare e comprendere per imparare.

Non cerca SOLDATI FEDELI, ma POTENZIALI fiduciosi di imparare ad esprimersi nella vita reale.

Non si farà problemi “per onestà intellettuale” a dirti la verità… (non perchè è KATTIVO!)

Non ti chiederà di “abbracciare la sua via” (e per giunta di viaggiare rimanendo sotto!)…

…scenderà lui e camminerà al tuo fianco portandoti in alto “tanto quanto tu vorrai” e lui potrà”… ti aiuterà a riconoscere e intraprendere “la tua strada”!

Non avrà bisogno di “porsi sopra” o che tu scelga di stare sotto (se non lo provochi per nulla in confronti sterili), per lui non sarà un problema “risalire in un attimo”.

Un buon maestro TOGLIE LE SPINE DALLA STRADA (a livello percettivo) senza spianartela.

I MAESHTRI invece ti spianano la strada (a livello percettivo) ma interpongono un filo spinato con la corrente, in cui tu “possa vederli chiaramente” ma non ti possa mai avvicinare più di tanto…

L’unico modo per “arrivare di là del recinto”, è avere le chiavi e l’accesso all’interruttore segreto che ti verrà confidato con una cerimonia mistica “nel momento in cui al maeshtro farà comodo”!

Fino ad allora…

Credici forte, sottomettiti e PAGA!

Ps. Una volta che HAI COMPRESO, non è che devi “essere convinto da qualcuno”!!

Se ciò che comprendi non ti basta, significa che il tuo problema è un altro e DEVI LAVORARE SU ALTRO!

😉

A qualcuno tanto dovevo… ^_^

 

     -Zaijian-

Sergio Simoncelli Insegnante Gong Fu

Condividi su:
Questa voce è stata pubblicata in ARTI MARZIALI, SVILUPPO PERSONALE e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a L’inequivocabile segnale della “mente plagiata” (dal MAESHTRO di arti marziali)

  1. Cristian scrive:

    Ciao Sergio,
    condivido le tue considerazioni.
    Per esperienza personale mi è capitato di ritrovarmi in circostanze simili (purtroppo si tratta di un “malcostume” diffuso…) ma l’importante è accorgersene in tempo.

    • Artista Marziale Artista Marziale scrive:

      Ciao Cristian.

      Dici bene!

      Accorgersene per tempo è molto importante e sblocca “paradossalmente” un certo tipo di mentalità evoluta.

      Anche aiutare chi “non è un esperto” a riconoscere “qualche segnale” è importante.

      Spesso un outsider, armato di assoluta buona fede (ma poca esperienza), si mette nelle mani di un “maeshtro” semplicemente perchè lo ritiene credibile e non ha ben chiaro le proprie esigenze da soddisfare.

      Questo tipo di “richiesta di mercato inconsapevole e basata SUL CREDERE”, ha fatto con gli anni proliferare “individui dall’ego smisurato” che hanno trovato facili profitti in un mondo sempre più scorrelato “dall’esperienza pratica REALE”!

      E’ questo che ha generato il “malcostume” diffuso che anche tu hai riscontrato.

      E laddove il mondo delle arti marziali avrebbe dovuto rappresentare un emblema di correttezza, etica, moralità (la credibilità che si è costruito nei secoli era per lo meno questa!), si è invece trasformato in una sorta di “teatro” colmo di inganni, sotterfugi, furbate e opportunismi psicoemotivi (oltre che pecuniari)

      Uno spaccio di “soluzioni in pippa mentale”, per “problematiche in pippe mentali”!

      Un individuo che entra in un ambiente sano, alcune pippe le risolve molto velocemente e ne ricava molte lezioni.

      Spesso invece entra un individuo sano (ma un po insicuro), e ne esce pieno di pippe e “ipnotizzato”

      Le scuole di arti marziali dovrebbero essere ambienti dove entrano “tutti vestiti da polli” e una parte ne esce riscoprendosi un’aquila!

      Ambienti dove “il potenziale umano” viene intercettato, fatto emergere e coltivato.

      Non “pollai” dove TUTTI SI SENTONO AQUILE senza mai aver provato una volta a VOLARE…

      Chi governa ambienti simili non è UN MAESTRO, ma un “allevatore”… 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.